Aumento degli infortuni sul lavoro dell’8,5%: 772 quelli mortali, in calo del 6,2%

Nel periodo tra gennaio-agosto, sono in aumento le denunce per infortunio sul lavoro 349.449, un calo di quelle mortali e una risalita delle malattie professionali rispetto allo stesso periodo del 2020.

Le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale nel mese di agosto sono state 772, 51 in meno rispetto alle 823 registrate nei primi otto mesi del 2020 (-6,2%).

A livello nazionale per i primi otto mesi c’è un aumento solo dei casi mortali avvenuti in itinere, passati da 138 a 152, mentre quelli in occasione di lavoro sono stati 65 in meno, con un calo del 9,5%: sono passati da 685 a 620. La gestione Industria e servizi è, come in luglio, l’unica a fare registrare un segno negativo (-10,4%, da 721 a 646 denunce mortali), al contrario dell’agricoltura, che passa da 70 a 84 denunce (+20,0%), e del conto Stato, da 32 a 42 (+31,3%).

Il sud è il territorio più colpito dove i casi mortali sono passati da 165 a 211, nel Nord-Est (da 161 a 167) e nel Centro (da 147 a 150). Il numero dei decessi, invece, è in calo nel Nord-Ovest, dove il dato cala da 298 a 194 e anche nelle Isole da 52 a 50.

Chiama ora

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazioneAbilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy